giovedì 5 aprile 2012

Uova in camicia su sfoglie di patate e sale nero


Le uova barzotte, normalmente vengono realizzate adagiando in acqua bollente ogni singolo uovo e facendo poi convogliare il bianco in torno al tuorlo in modo che possa racchiuderlo. Accede spesso, però, che il bianco d'uovo tenda ad allargarsi e ad andare da tutte le parti ed ecco allora che bisogna essere subito pronti a convogliarlo al centro.
Oggi vi propongo un nuovo modo per ottenere le uova barzotte. Ho preso spunto dalla puntata di un programma di cucina condotto da Monica Bianchessi, chef che apprezzo molto per la semplicità delle sue ricette e per la maniera molto naturale con cui abitualmente assemblea gli ingredienti in cucina

Ingredienti per 4 persone
4 uova
3 patate di media grandezza
alcune foglioline di menta fresca
sale nero
un cucchiaino di uova di Capelin
olio extravergine d'oliva

Preparazione
Prendete le patate, privatele della buccia, affettatele sottilmente e tuffatele in una pentola di acqua bollente, nella quale avrete versato un cucchiaio di aceto. L'aceto servirà a non far sfaldare le patate, che rimarranno perfettamente compatte.
Una volta cotte, scolatele e lasciatele da parte a freddare.
Procediamo alla cottura delle uova bazzotte. Prendete un piccolo contenitore, adagiatevi della pellicola trasparente, con le mani ungetela leggermente d'olio, tuffateli dentro l'uovo. Ripiegate i lembi della pellicola e fate un nodo. Procedete in questo modo per tutte e quattro le uova. Mettete sul fuoco un tegame a bordi alti, con dell'acqua bollente, tuffatevi le uova e fatele sobbollire per 10 minuti.
Trascorso questo tempo, con delle forbici aprite la pellicola. Vedrete come l'uovo si sia cotto perfettamente all'esterno, mantenendo un cuori tenero all'interno. A questo punto preparate un piatto da portate adagiatevi a cerchio alcune fette di patate, irroratele con un filo d'olio e sistemate su ognuna una fogliolina di menta fresca. Al centro ponete l'uovo, incidetelo leggermente con un coltello in modo che sia visibile il rosso. Completate con delle scaglie di sale nero e qualche uovo di Capelin, giusto per dare colore. Se ne avete l'opportunità, sostituite queste uova con quelle di salmone, che sono una vera delizia