lunedì 28 marzo 2011

Finto Sushi


Ingredienti
150 gr di riso Carnaroli Alta gastronomia Atmosfera Italiana
un barattolo di ventresca  Atmosfera Italiana
1 melanzana
basilico fresco
qualche fetta di prosciutto crudo di Parma
un cucchiaino di burro alle acciughe Cascina San Cassiano
basilico fresco
Preparazione
Mettiamo sotto sale la melanzana. Dopo un'ora circa, scoliamola, tagliamola a cubetti e mettiamola in una teglia da forno. Lasciamo cuocere senza alcun condimento per circa 10 minuti. Passiamo al mixer la ventresca (un quarto del contenuto del barattolo) con le melanzane. Insaporiamo con il burro alle acciughe e teniamo la nostra mousse da parte. Cuociamo il riso, scoliamolo, lasciamolo freddare e amalgamiolo con la mousse preparata in precedenza. Con l'aiuto di un piccolo coppapasta da biscotti ricaviamo delle piccole porzioni di riso; avvolgiamogli intorno una striscia di prosciutto e guarniamo con una fogliolina di basilico
Con questo finto sushi partecipo al gioco sul finger food indetto da Atmosfera Italiana

8 commenti:

  1. Una ricetta davvero stuzzicante.Brava.
    La presentazione molto bella.
    Ciao,Fausta

    RispondiElimina
  2. Davvero una bellissima foto, complimenti.

    RispondiElimina
  3. Cara Fausta è sempre un piacere quando torni a trovarmi. Ti ringrazio per i complimenti sulla presentazione. Ultimamente mi sta nascendo una vera passione per la presentazione dei piatti. Mi diverte davvero molto e poi c'è mio marito che mi aiuta e mi ha addirittura costruito un set fotografico casalingo

    RispondiElimina
  4. Ciao maritino, la foto è tutto merito del set fotografico che mi hai costruito

    RispondiElimina
  5. Ciao Bellissima ricetta . . .

    RispondiElimina
  6. Grazie Manu, felice che ti piaccia

    RispondiElimina
  7. Questa ricetta partecipa al concorso Ricette a base d'Amore di Parma Dolce Amore.

    RispondiElimina
  8. Si, partecipa a questo contest che ha per protagonista il prosciutto di Parma. Devo dire che non si può non partecipare. L'idea mi è piaciuta da subito, anche per il modo in cui è stato organizzato il contest e così ho partecipato

    RispondiElimina