mercoledì 30 novembre 2011

Polenta di riso e salsicce



Per la prima volta ho utilizzato la semola di riso per la preparazione della polenta. Devo dire che, anche se il sapore è del tutto diverso dalla comune farina gialla per polenta, tuttavia il risultato mi ha soddisfatta in pieno, perché ho ottenuto una polenta decisamente molto più leggera e dal gusto delicatissimo. Io ho voluto provarla con un ragù di salsicce, ma vista la delicatezza della polenta di riso sarebbe stata benissimo anche con un ottimo sugo di pesce, ad esempio dei polipetti affogati

Ingredienti
350 gr di semola di riso per polenta
acqua
Per il ragù:
500 gr di salsicce
una foglia di alloro
una cipolla bianca
una confezione di passata di pomodoro
parmigiano grattugiato
un peperoncino
olio extravergine d'oliva
sale

Preparazione
Visto che indicare con precisione il quantitativo giusto di acqua da utilizzare per la preparazione della polenta non è proprio semplice, vi consiglio di mettere in una pentola abbondante acqua salata e portarla ad ebollizione. In una ciotola versate la semola di riso e aggiungete un po' per volta l'acqua. In questo modo vi renderete meglio conto di quanta ne servirà per ottenere una polenta morbida al punto giusto. Raggiunta la densità desiderata rimettetela sul fuoco e cuocetela a fiamma bassa per sette o otto minuti, avendo cura di mescolare di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. A cottura ultimata aggiungete a piacere una noce di burro e versate la polenta in una terrina leggermente bagnata all'interno.
Preparate intanto un ragù con le salsicce: in un tegame soffriggete la cipolla tritata e la foglia di alloro, unite le salsicce e fatele colorire, unite la passata di pomodoro e allungate con dell'acqua. Fate cuocere a fuoco lento per almeno un'ora e mezzo o due. Quando il ragù sarà pronto, portate in tavola la polenta e servitela con abbondante ragù e se vi piace con del parmigiano grattugiato

2 commenti:

  1. questa polenta di riso non l'ho mai provata!!! chissà se la trovo qui!! grazie per la dritta!! ^_^

    RispondiElimina
  2. No no, non potete capire che cosa poteva essere........ da leccarsi le labbra!!!

    RispondiElimina