lunedì 19 marzo 2012

Spaghetti con filetti di sgombro e pomodorini


Lo sgombro è uno di quei pesci poveri che spesso e volentieri sono bistrattati perché considerati di scarsa qualità. Eppure dovremmo sempre ricordarci che le specie ittiche locali sono per noi una risorsa da valorizzare in cucina perché pesci come lo sgombro (meglio se fresco) sono comunque in grado di regalarci grosse soddisfazioni. Vi propongo una ricetta facile da preparare e velocissima

Ingredienti per 4 persone
400 gr di spaghetti
500 gr di pomodorini
2 confezioni di filetti di sgombro in scatola
1 peperoncino piccante
delle mandorle a filetti
uno spicchio d'aglio
una manciata di origano fresco
prezzemolo
olio extravergine d'oliva
sale

Preparazione
In un tegame, versate un filo d'olio e fate rosolare lo spicchio d'aglio e il peperoncino. Aggiungete i pomodorini aperti a metà e fate saltare per qualche minuto. Intanto, sgocciolate dal liquido di conservazione i filetti di sgombro e aggiungete anch'essi al sugo. Proseguite la cottura ancora pochi minuti, insaporite con l'origano e il prezzemolo freschi, aggiungete delle mandorle a filetti, aggiustate di sale e spegnete. Portate a cottura gli spaghetti e ancora al dente trasferiteli nel sugo in modo da ultimare la cottura in tegame. Mantecate per bene di modo che gli spaghetti si insaporiscano e si impregnino del sughetto e serviteli caldissimi







7 commenti:

  1. Davvero spaziali !!! Posso testimoniarne la bontà ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie amore, sei il mio assaggiatore numero uno

      Elimina
  2. Bellissima presentazione :) Sembrano buonissimi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto e in effetti gli spaghetti erano gustosissimi. Un bacione

      Elimina
  3. Una presentazione davvero originale!
    Belle foto.
    Un abbraccio, chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara, mi fa molto piacere che tu abbia trovato la presentazione originale, in fondo la cucina è fantasia anche in questo. Un caro saluto

      Elimina
  4. li devo ancora provare

    RispondiElimina